UTILIZZO E PROPRIETA’ DELL’ACIDO JALURONICO

Ecco a voi ragazze,vi presento uno dei migliori alleati per la pelle…ne parliamo quotidianamente in negozio ma ho pensato che vi facesse piacere avere maggiori dettagli.

Buona lettura….

L’acido ialuronico è una delle molecole che costituisce naturalmente la nostra pelle ed ha la capacità di mantenere la forma e la resistenza del nostro tessuto connettivo

Dal punto di vista chimico

l’acido ialuronico viene classificato come un glicosaminoglicano. La molecola è infatti formata dal ripetersi di lunghe sequenze di due zuccheri semplici, l’acido glicuronico e la N-acetilglucosamina. Queste sostanze sono entrambe cariche negativamente e quando si uniscono tra loro la forte repulsione dà origine ad una molecola lineare, flessibile ed estremamente polare. La grande solubilità in ambiente acquoso è importante per garantire l’idratazione dei tessuti proteggendoli al tempo stesso da tensioni e sollecitazioni eccessive. Allo stesso tempo l’elevata affinità con altre molecole di acido ialuronico e con gli altri componenti della matrice extracellulare consente la formazione di una fitta ed intricata rete ad elevato peso molecolare.

Cosa succede alla pelle con l’avanzare degli anni:

La rigenerazione cutanea diventa più lenta e questo porta alla formazione di rughe ed inestetismi, ed è proprio per questo motivo che l’acido jaluronico è ampiamente usato nei cosmetici.

Scopriamo quindi le proprietà e l’utilizzo.

L’acido ialuronico può essere utilizzato puro applicato direttamente sulla pelle, oppure possiamo trovarlo all’interno di creme e sieri, è un ingrediente attivo davvero pregiato e richiesto per i suoi effetti visibili e duraturi.

Anatomia della pelle

La pelle è costituita da strati diversi che hanno diversa struttura e quindi funzione.

Partendo dall’esterno troviamo:

  • epidermide
  • derma
  • strato sottocutaneo
  • L’epidermide è a sua volta costituita da diversi strati ognuno dei quali è caratterizzato da cellule chiamate cheratinociti; questi a partire dall’interno verso l’esterno si differenziano giungendo a maturazione e infine alla morte (che causa la naturale desquamazione della pelle).
  • Questa prima parte è la più difficile da oltrepassare per ogni attivo presente nei cosmeticiessendo costituita da cellule legate tra loro in maniera stretta ed essendo priva di capillari sanguigni.
  • Si può comunque affermare che molecole più piccole di acido ialuronico, cioè a basso peso molecolare, possono oltrepassare questa barriera più facilmente rispetto a quelle ad alto peso molecolareed esplicare meglio la loro azione.
  • Il derma è invece lo strato del tessuto connettivo direttamente sottostante all’epidermide, qui troviamo terminazioni nervose, capillari sanguigni, bulbi piliferi e ghiandole sebacee.
  • Infine, il tessuto sottocutaneo funge da collegamento tra l’epidermide e il resto del corpo sottostante, costituito essenzialmente da tessuto adiposo

PESO MOLECOLARE

Per quanto riguarda la distinzione dell’acido ialuronico secondo il peso molecolare, possiamo classificarlo in tre diverse tipologie:

  • alto peso molecolare, dalle dimensioni comprese tra i 1800 e 3000 kDa (kilo Dalton). Le dimensioni non gli permettono il passaggio attraverso la cute, questo però permette alla molecola di agire in superficie esplicando un’azione idratante e filmante, impedendo all’acqua naturalmente presente sulla pelle di evaporare.
  • medio peso molecolare, dalle dimensioni comprese tra i 1000 e i 1800 kDa. Questa tipologia viene assorbita più facilmente anche se non ha la possibilità di raggiungere gli strati più profondi, permette però il passaggio dell’acqua al fine di mantenere un’idratazione ottimale.
  • basso e bassissimo peso molecolare, dalle dimensioni comprese tra i 10 e i 1000 kDa del basso peso molecolare e tra 3 e 8 kDa del bassissimo peso molecolare. Queste tipologie sono le più preziose per la nostra pelle, grazie infatti alle dimensioni ridotte le molecole di acido ialuronico riescono a raggiungere gli strati più profondi e a rimpolpare e nutrire il reticolo naturale già presente.

COME POSSIAMO TROVARLO NEI COSMETICI

L’acido ialuronico è un ingrediente facilmente riconoscibile nell’elenco INCI dei prodotti cosmetici, è infatti indicato con sodium hyaluronateche corrisponde al sale sodico dell’acido ialuronico, utilizzato in questa forma perchè molto efficace e più stabile nella composizione del cosmetico.

Più raramente possiamo trovare invece l’acido sotto il nome di hyaluronic acid.

In ogni caso l’acido ialuronico viene aggiunto nelle formule cosmetiche in concentrazioni comprese tra lo 0,1 e l’1%, ovviamente concentrazioni vicine o uguali all’ 1% di acido ialuronico a diversi pesi molecolari renderanno il cosmetico (o la stessa materia prima pura) maggiormente efficace.

Dalla lista INCI degli ingredienti non è però possibile distinguere la presenza di un solo peso molecolare o di diversi pesi molecolari usati insieme, questa informazione è affidata alla dichiarazione in etichetta del produttore.

Possiamo trovare l’acido ialuronico in diverse formulazioni per il viso, dalle semplici creme idratanti da giorno o da notte per la prevenzione e per il trattamento dei segni del tempo, creme colorate come ad esempio le BB cream per donare al viso omogeneità di colore, luminosità e un immediato effetto tensore (tutto i un unico prodotto!), nei sieri viso con la stessa azione antiage e rimpolpante o nei sieri specifici contorno occhi e labbra, ma anche nelle creme corpo con lo scopo di prevenire la disidratazione cutanea e rallentare l’invecchiamento e i cedimenti della pelle,e nei deodoranti per aumentare l’idratazione delle parti sensibili e delicate.

UTILIZZO

La soluzione di acido ialuronico si può sia utilizzare mattina e sera:puro sulla pelle del viso, come ad esempio siero antiage, contorno labbra e trattamento riparatore per piccole cicatrici, ma anche aggiungendolo alla propria crema viso per arricchirla e potenziarne gli effetti, o ancora in ricette autoprodotte.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.